Nikola Tesla nacque a Smiljan, nella regione della Lika, parte della Frontiera Militare dell’Impero Austro-Ungarico, a mezzanotte tra il 9 e il 10 luglio del 1856. Un pomeriggio di febbraio del 1882, all’ora del tramonto, mentre passeggiava con il suo amico Szigeti, dopo cinque lunghi anni di ricerca, Tesla trovò la soluzione per il motore a corrente alternata.

Si servì del bastone per disegnare la sua idea nella sabbia. Fu l’invenzione che gli portò tanta fama – il campo magnetico rotante prodotto da correnti alternate!

Nel 1883 Tesla lavorava nei rami dell’azienda di Edison di Parigi e Strasburgo dove finì la parte visibile del suo esperimento. Fece i primi modelli operativi e per la prima volta tentò di promuovere e pubblicizzare i propri motori. Purtroppo, gli imprenditori europei non erano aperti verso le idee innovative, perciò, decise di lasciare Parigi e tentare la fortuna negli Stati Uniti d’America.

Il primo incarico che fu dato a Tesla era di migliorare le prestazioni delle Dinamo di Edison. Tesla accettò l’incarico con grande devozione e passione. Una sola cosa occupava la sua mente – come far interessare Edison alle invenzioni nel campo dell’energia alternata. I due inventori, però, erano troppo diversi dal punto di vista dei metodi e degli obiettivi, sicché, la divisione tra i due era inevitabile.

A maggio del 1888, Tesla conobbe George Westinghouse, il proprietario e fondatore dell’omonima azienda, il quale decise di acquistare i diritti per i brevetti relativamente al sistema della produzione, della trasmissione e dell’utilizzo della corrente alternata multifase.

D’un momento all’altro, Tesla diventò famosissimo. Le sue idee, visioni e scoperte erano largamente apprezzate non solo dall’opinione pubblica ma anche dalla comunità scientifica. Non solo i giornali, i settimanali e le riviste scientifiche ne scrivevano, Tesla fece parte delle più importanti pubblicazioni letterarie e scientifiche.

Nell’ultimo decennio del ventesimo secolo, Tesla diventò una star – una persona apprezzata e ben vista dall’elite newyorkese.
Gli ultimi due anni della vita di Tesla furono segnati dalle interviste sensazionali nelle quali annunciava una nuova teoria dinamica di gravità, le macchine per lo sfruttamento delle energie naturali, un nuovo tipo di armi da difesa. Tesla subì un incidente stradale molto sospetto, che accelerò la sua morte.

Tesla morì in pace e nel sonno il giorno del Natale ortodosso del 1943 lasciando 300 brevetti, migliaia di disegni, di appunti e idee, oggi conservate nel Museo di Nikola Tesla a Belgrado.

Prima di morire Tesla disse: “E’ un grand’uomo colui che – così come le api che raccolgono il miele – raccoglie la sapienza, usandola poi per aiutare gli altri a superare le disgrazie da cui sono soppressi: la fame, l’ignoranza e la malattia!”

Mi chiamarono pazzo nel 1896 quando annunciai la scoperta di raggi cosmici. Ripetutamente si presero gioco di me quando avevo scoperto qualcosa di nuovo e poi, anni dopo, videro che avevo ragione.

Nikola Tesla

PER INFORMAZIONI SCRIVICI

Scopri di più resta collegato

687 Condivisioni